Se l’animale selvatico danneggia l’auto, la colpa è della Regione

In caso di danni provocati all’autovettura da un grosso cinghiale, che aveva repentinamente attraversato la strada provinciale, la Suprema Corte ha osservato che, anche alla luce della legge 11 febbraio 1992, n. 157, contenente norme per la protezione della fauna selvatica, “alle Regioni compete l’obbligo di predisporre tutte le misure idonee ad evitare che gli animali selvatici arrechino danni a persone o a cose e, pertanto, nell’ipotesi di danno provocato dalla fauna selvatica ed il cui risarcimento non sia previsto da apposite norme, la Regione può essere chiamata a rispondere in forza della disposizione generale contenuta nell’art. 2043 cod. civ. (Cass. 1 agosto 1991, n. 8470; 13 dicembre 1999, n. 13956; 14 febbraio 2000, n. 1638; 24 settembre 2002 n. 13907).

Cass. civ.  Sezione terza, sentenza 12 ottobre – 16 novembre 2010, n. 23095

Annunci

2 comments

  1. salve sig avv Boccia
    poco fa mentre ero alla guida della mia auto,un mitsubishi outlander,mi ritrovavo un fagiano in fase di attraversamento sbucato all’improvviso dal ciglio stradale a pochi metri da me.impossibilitato dall’evitarlo il pennuto mi ha creato un danno al mascherone e ad un fendinebbia.con la mia assicurazione oltre al furto e incendio ho come casistica dei sinistri gli eventi sociopolitici
    è possibile avere un risarcimento?in che modo?grazie in anticipo per l’eventuale risposta

    1. Salve,
      con l’assicurazione può farci poco, normalmente non copre questo tipo di rischi.
      Non è facile ravvisare nel suo caso, invero piuttosto singolare, una responsabilità in capo a qualcuno (ente proprietario della strada, Regione). Infatti, lo stato di libertà di un volatile è incompatibile con un qualsiasi obbligo di custodia, e non può ragionevolmente pretendersi l’adozione di alcun tipo di precauzione al fine di evitare danni a persone e cose. Diversamente, nel caso di animale che, sull’autostrada, attraversi la carreggiata approfittando, ad esempio, di aperture nelle reti di recinzione, è ravvisabile la responsabilità dell’ente proprietario (o di chi si occupi della manutenzione), ogni qual volta possa dimostrarsi una sua condotta colposa nella custodia del tratto stradale. cordiali saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...